METODI NATURALI PER ALLONTANARE LE CIMICI

METODI NATURALI PER ALLONTANARE LE CIMICI

Non è possibile separare dall’idea di autunno l’immagine di un insetto a dir poco fastidioso: la cimice.
Che sia quella europea, verde acceso, 0 la più recente cimice asiatica, dai colori più scuri e di più grandi dimensioni, questi insetti ci perseguitano per diversi mesi con i primi abbassamenti di temperature.
La loro prerogativa è quella di essere infestanti. I davanzali, le tapparelle, terrazze e balconi sono tra i loro luoghi preferiti, per non parlare del terrore che si prova nel ritirare la biancheria dopo averla stesa all’aria aperta.
Ebbene, gli oli essenziali possono esserci molto utili per eliminare questo problema dalle nostre case.

È risaputo che le cimici “temono” gli odori forti ed intensi, quindi ci sono molti oli che fanno al caso nostro, e si possono utilizzare in diversi modi. Vediamo quali sono e come usarli.

  • Per evitare brutte sorprese a livello di bucato, è sufficiente aggiungere qualche goccia di olio di melaleuca (tea tree) al detersivo prima di lavare i panni. In questo modo uniamo l’effetto disinfettante e deodorante di questo olio molto versatile al suo potere repellente contro gli insetti;
  • Possiamo creare anche un detergente naturale e quindi non inquinante per pulire tutta la casa e contemporaneamente allontanare questi rumorosi e puzzolenti ospiti indesiderati: acqua calda, aceto, sapone di Marsiglia cui unire, a nostro gusto, olio di limone, di rosmarino o di melaleuca. Profumo, disinfezione e addio alle cimici con una sola operazione!
  • Il metodo più veloce e semplice comunque per evitare spiacevoli visite è spruzzare negli angoli della casa e anche sui davanzali e tutta la parte esterna delle finestre una miscela di acqua e uno di questi oli a nostro piacimento: lavanda, menta, limone, cannella, tea tree, incenso, chiodi di garofano. Oli che tra l’altro tengono lontani molti altri insetti, come mosche, scarafaggi, e le zanzare.

Per acquistare gli oli nominati nell’articolo, clicca qui

Lascia un commento