INFLUENZA: TENIAMOLA A BADA CON GLI OLI ESSENZIALI

INFLUENZA: TENIAMOLA A BADA CON GLI OLI ESSENZIALI

L’influenza ma anche il comune raffreddore comportano una serie di sintomi fastidiosi, dolorosi, che spesso ci impediscono di affrontare le giornate in modo sereno e di compiere le nostre consuete attività. Dormire, inoltre, diventa molto difficile, complicando ancora di più una situazione già di per sé poco piacevole.

Per evitare di utilizzare troppi farmaci che spesso hanno il solo scopo di alleviare i sintomi, possiamo usare una vasta gamma di oli che possono dare sollievo ed accelerare il processo di guarigione da questi fastidiosissimi mali di stagione.
Vediamo quali oli ci possono aiutare e come utilizzarli:

  • menta piperita: la menta possiede potenti proprietà antivirali, e l’alta concentrazione di mentolo aiuta nel trattamento del mal di testa da sinusite, attenuare la congestione e calmare la tosse. Si può usare in diffusione, sul piatto della doccia prima di aprire l’acqua calda, così da inalarne i vapori, diluita in olio vettore e massaggiato sulle tempie, fronte, pareti del naso e petto.
  • melaleuca: essendo un forte antisettico, la melaleuca (tea tree) si può utilizzare con successo per il trattamento dei sintomi dell’influenza. una goccia sulla punta della lingua ogni 15 minuti, per tre o quattro volte, appena iniziamo a percepire un po’ di fastidio alla gola blocca l’insorgere di un disturbo più importante. Massaggiato sul petto, ovviamente previa diluizione, calma la tosse.
  • limone: antimicrobico, antibatterico ed antinfiammatorio. Praticamente l’olio perfetto per curare ogni tipo di disturbo. Da non sottovalutarne l’utilizzo come detergente mani, sfregando tra i palmi un paio di gocce di olio puro.
  • rosmarino: antibatterico e antidolorifico, questo olio aiuta a liberare le vie respiratorie e funge anche da espettorante. Si può mettere in diffusione, inalare direttamente dalla boccetta o diluito nel bagnoschiuma per un caldo bagno aromatico.
  • eucalipto: antibatterico per eccellenza, si può usare in diffusione per disinfettare l’aria nell’ambiente e allo stesso tempo alleviare la congestione nasale. Massaggiato, sempre diluito, sul petto e sul dorso, aiuta a liberare le vie respiratorie.
  • lavanda: indicata per aiutare i più piccoli che spesso non possono usare tutta la gamma di olii disponibile, massaggiata sui piedini o aggiunta al bagno caldo è in grado di abbassare la febbre di circa un grado.
  • miscela digestiva: spesso il problema del muco in eccesso è che si deposita sui seni nasali oppure transita direttamente nello stomaco, dando nausea e pesantezza. La miscela digestiva (DigestZen) aiuta ad eliminarli e ad alleviare l’infiammazione portata dalla sinusite.
  • miscela respiratoria: grazie al mix mirato di oli specifici, la miscela respiratoria (Air) è forse l’alleata più importante se si è stati colpiti da influenza o raffreddore. Qualche goccia sul cuscino, sul fazzoletto, sugli abiti. Diluita, massaggiata sulla nuca, fronte e naso. Diffusa nell’ambiente. Sono moltissimi gli utilizzi che se ne possono fare, è una miscela che non può mancare in casa per affrontare serenamente l’inverno.

Non dimentichiamo anche il timo o la miscela protettiva (OnGuard), che utilizzati tramite uso interno quotidianamente per medi periodi, potenziano il sistema immunitario.

Per acquistare gli oli e le miscele citati nell’articolo cliccate qui


Related Posts

Come dormire meglio: 9 aiuti dagli oli essenziali

Come dormire meglio: 9 aiuti dagli oli essenziali

Una statistica recente ha evidenziato che circa 10 milioni di italiani soffrono di insonnia o comunque di disturbi del sonno.Io per prima, fino a che non sono diventata mamma e il mio corpo ha capito che gli conveniva riposare ogni minuto disponibile per non soccombere […]

I MIGLIORI OLI ESSENZIALI

I MIGLIORI OLI ESSENZIALI

Gli oli essenziali sono tutti uguali? A cosa devo fare attenzione quando li compro? Posso essere sicuro che quello che leggo sulle etichette, ad esempio puro al 100%, sia vero? Anche tu ti sarai posto queste domande quando hai iniziato ad usarli per scegliere di […]



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *